TEMPUS EDAX RERUM, ROMA ED IL TIMAVO

Appunti di ricerca, Anno Pubblicazione 2001

Il titolo prende il nome da un motto di Virgilio sulla caducità delle cose realizzate dall’uomo. È una rassegna delle scoperte archeologiche effettuate sul territorio tra Monfalcone e Aurisina, dove sono numerose le tracce di edifici d’epoca romana, tra i quali varie ville abbellite da pavimentazioni musive. Di particolare interesse le stazioni di posta sulla consolare Via Gemina ed il rinvenimento dei resti di due legionari del I secolo a.C. in un pozzo naturale presso il Villaggio del Pescatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Gruppo speleologico Flondar